Delitto in cielo (Death in the Clouds)

Sintesi: A bordo dell’aereo di linea Prometheus, sul quale viaggia anche Hercule Poirot, madame Giselle, nota usuraia, viene ritrovata morta con un segno di puntura sul collo. Data la presenza di una vespa, tutti, in un primo momento, pensano che la signora sia morta per choc anafilattico. Tuttavia, il ritrovamento, da parte di Poirot, di quello che sembra essere un dardo avvelenato, apre nuove prospettive sul caso, anche se non è detto che vadano nella direzione giusta.

Delitto in cielo (Death in the Clouds)Curiosità:
1) Nel capitolo tredici, viene descritto un episodio che Agatha Christie, nel suo ruolo di moglie, si trovò a vivere in prima persona: “Ecco, immaginate un po’. In un alberghetto della Siria c’era un inglese, e sua moglie si è ammalata. Lui doveva essere in una determinata località dell’Iraq per una data prestabilita. Eh bien, ci credereste? Ha piantato lì la moglie ed è partito in modo da poter “prendere servizio” come doveva, senza ritardi. Non solo, ma sia lui che la moglie hanno considerato tutto ciò assolutamente naturale; lo giudicavano un uomo generoso, pieno di nobili sentimenti. Invece il medico, che non era inglese, lo ha giudicato un barbaro. Una moglie, un essere umano… ecco la cosa che dovrebbe venire prima di tutto il resto”.

2) Nell’episodio sette della quarta stagione della serie televisiva Doctor Who, Un caso per Agatha Christie (in originale The Unicorn and the Wasp), compare una copia del libro e la vespa in esso citata ha un ruolo fondamentale. L’episodio contiene anche molti altri riferimenti ai romanzi o ai racconti dell’autrice (qui di seguito riportati in lingua originale con accanto il titolo italiano a cui si fa riferimento):
– “Hold on, the body in the library?” (C’è un cadavere in biblioteca);
– “Next thing you know, you’ll be telling me it’s like Murder On The Orient Express, and they all did it” (Assassinio sull’Orient-Express);
– “No alibis for any of them. The secret adversary remains hidden” (Avversario segreto);
– “What’s the first letter? N or M?” (Quinta colonna);
– “A murder? That’s put cat among the pigeons and no mistake” (Macabro quiz);
– “A dead man’s folly, nothing more” (La sagra del delitto);
– “It’s a trick. They do it with mirrors” (Giochi di prestigio);
– “She never found me. She had an appointment with death instead” (La domatrice);
– “Heavens’ sake, cards on the table, woman” (Carte in tavola);
– “It’s cyanide, sparkling cyanide” (Giorno dei morti);
– “I’ve called you here on this endless night, because we have a murderer in our midst” (Nella mia fine è il mio principio e Murder in our midst (titolo inglese di una raccolta che comprende i primi tre romanzi con protagonista Miss Marple);
– “This is a crooked house, a house of secrets” (È un problema);
– “The river Jumna rose up and broke its banks. He was taken at the flood” (Alla deriva);
– “The moving finger points at you, Lady Eddison” (Il terrore viene per posta);
– “Death comes as the end, and justice is served” (C’era una volta);
– “It’s unbelievable, but why they didn’t ask Heavens?” (Perché non l’hanno chiesto a Evans?);
– “Murder at the vicar’s rage. Needs a bit of work” (La morte nel villaggio).

Un caso per Agatha Christie (Doctor Who)

Riferimenti intertestuali:
1) Riferimento implicito al romanzo di Agatha Christie Tragedia in tre atti (1935):
“Supponiamo che”, disse Fournier, “mentre viaggiate in treno vi capiti di passare davanti a una casa in fiamme. Gli occhi di tutti i presenti si rivolgeranno subito al finestrino. L’attenzione di tutti verrà attirata da un determinato elemento. In un momento del genere, chiunque potrebbe estrarre un pugnale e uccidere un uomo, e nessuno lo noterebbe mentre compie quel gesto”.
“È vero”, disse Poirot. “Ricordo un caso nel quale mi sono trovato coinvolto… un caso di avvelenamento, in cui è stato proprio sollevato questo punto. C’era, allora, quello che voi chiamate “momento psicologico”…”.
(pag. 84, traduzione di Grazia Maria Griffini per Mondadori, 1935)

2) Riferimento alle attrici Greta Garbo (1905-1990) e Katharine Hepburn (1907-2003):
Adoravano i cani e non sopportavano i gatti. Sia l’uno sia l’altra detestavano le ostriche e avevano un debole per il salmone affumicato. Greta Garbo piaceva a entrambi, mentre Katharine Hepburn era odiosa a tutti e due.
(pag. 153, traduzione di Grazia Maria Griffini per Mondadori, 1935)

Delitto in cielo (Death in the Clouds)3) Riferimento implicito al romanzo di Agatha Christie Assassinio sull’Orient Express (1935):
“Ho interrogato anche i passeggeri. Non è possibile che raccontino frottole dal primo all’ultimo!”.
“C’è stato un caso di cui mi sono occupato nel quale è successo proprio questo!”.
(pag. 217, traduzione di Grazia Maria Griffini per Mondadori, 1935)

Categorie: Agatha Christie, Hercule Poirot | Tag: , , , , | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “Delitto in cielo (Death in the Clouds)

  1. Pingback: Poirot non sbaglia (One, Two, Buckle My Shoe) | Il rifugio di Agatha Christie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: