Articoli con tag: dopo le esequie

Dopo le esequie (After the Funeral)

Sintesi: L’anziano Richard Abernethie, di salute precaria, muore improvvisamente. Subito dopo i funerali, durante la lettura del testamento, la sorella Cora dice ai familiari che, secondo lei, hanno fatto bene a mettere tutto a tacere visto che il vecchio è stato ucciso. L’avvocato Entwhistle, stupito dalla sua affermazione, inizia a rifletterci su quando riceve una telefonata che gli comunica che la donna è stata assassinata a colpi di accetta. Subito dopo i funerali, la dama di compagnia di Cora rischia di morire avvelenata ma riesce a salvarsi all’ultimo momento. L’ispettore Morton inizia le indagini coadiuvato da Poirot che si intrufolerà tra i membri della famiglia spacciandosi inizialmente per Monsieur Pontalier.

Assassinio al galoppatoioCuriosità:
1)
Dopo la morte di Cora a colpi di accetta, l’avvocato Entwhistle cita una sadica nursery rhyme che narra la storia di Lizzie Borden (1860-1927), nota per aver assassinato con l’accetta il padre e la matrigna: Lizzie Borden took an axe / And gave her mother forty whacks. / When she saw what she had done, / She gave her father forty-one.
Il romanzo è molto pessimista riguardo alle conseguenze che la guerra ha avuto sulla vita degli esseri umani e sui rapporti sociali.
2) Nel 1963, in contemporanea con l’uscita nelle sale del film Assassinio al galoppatoio, il romanzo fu riedito in Inghilterra con il medesimo titolo. Nella pellicola, però, non compare Hercule Poirot bensì Miss Marple impersonata da Margaret Rutherford.

Il secondo episodio della nuova serie, che girammo nel 2005, fu Dopo le esequie, pubblicato in Inghilterra nel 1953, anno dell’incoronazione della Regina Elisabetta II, e negli Stati Uniti l’anno successivo con il titolo Funerals Are Fatal. In questo romanzo, Agatha Christie traccia il ritratto di una famiglia disfunzionale, dove tutti si comportano come cani e gatti. Tuttavia, i rapporti tra i vari membri della famiglia sono così complessi che l’autrice ritenne opportuno inserire un albero genealogico per aiutare il lettore a capire esattamente chi è chi. […]
Nel romanzo originale, Agatha Christie fornisce ulteriori dettagli sulla complessa personalità di Poirot, in particolare quando gli fa dire: “Le donne non sono mai gentili, anche se a volte sanno essere amorevoli”. Questa non è l’osservazione di un misogino, ma il punto di vista di un uomo che non ha mai provato attrazione sessuale per una donna. Secondo me, Poirot non ha mai manifestato il benché minimo interesse per il sesso, anche se è perfettamente in grado di riconoscere negli altri i sintomi del desiderio.
(David Suchet, Poirot and Me, Headline Publishing Group, London 2013, pp. 265-266, traduzione mia)

Dopo le esequieRiferimenti intertestuali:
1) Riferimento al romanzo, sempre di Agatha Christie, pubblicato nel 1933, Se morisse mio marito (Lord Edgware dies):
“Cosa si può fare con una donna simile?” […] “Nulla”, convenne Poirot pieno di comprensione, “Lo so benissimo. Non dimenticherò mai l’assassinio di Lord Edgware. Quasi ne uscivo sconfitto, da un cervellino di attrice. Le menti molto semplici hanno sovente il genio di commettere un crimine semplice e poi cavarsela. Speriamo che il nostro assassino, se di un caso di assassinio si tratta, sia intelligente, superiore, vanitoso e incapace di resistere alla tentazione di mettersi in mostra”.
(pag. 128, traduzione di Lia Volpatti, Mondadori, 1983)

2) Riferimento al personaggio di Ofelia dell’Amleto di Shakespeare, al Mercante di Venezia e alla frase pronunciata dal personaggio di Jessica nell’atto quinto, scena prima: I am never merry when I hear sweet music.
Poirot trovò Rosamund seduta su una panchina sulle rive di un torrentello che precipitava in una breve cascata e poi riprendeva a fluire tra i rododendri.
“Non vorrei disturbare Ofelia”, esordì Poirot, mettendosi a sedere accanto a lei. “State studiando la parte?”.
“Non ho mai recitato Shakespeare”, rispose Rosamund. “Soltanto una volta ho fatto Jessica nel Mercante di Venezia. Una parte noiosa”.
“Sì, ma non priva di pathos. Non sono mai felice quando ascolto una dolce musica. Che peso doveva sopportare, povera Jessica, la figlia dell’odiato e disprezzato ebreo”.
(pag. 220, traduzione di Lia Volpatti, Mondadori, 1983)

Annunci
Categorie: Agatha Christie, Hercule Poirot, riferimenti letterari | Tag: , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.